• Tempo di Lettura:3Minuti

Allo Stadio Artemio Franchi di Firenze la Fiorentina ha vinto contro l’Atalanta, match valido per la seconda semifinale di Coppa Italia. A realizzare il gol vittoria è stato Mandragora con un gol dalla distanza. Il ritorno si giocherà il 24 aprile in terra bergamasca. I primi minuti del match sono stati lenti, poco voluttuosi e privi di offensive da ambo le parti. Sia Italiano, sponda Fiorentina, che Gritti (Gasperini è squalificato) sponda Atalanta, hanno dato indicazioni ai propri giocatori per cercare di velocizzare la manovra. La prima concreta azione è stata realizzata al minuto 14 quando Mandragora su punizione ha provato a battere Carnesecchi senza riuscirci. Break dei padroni di casa poco dopo il 20esimo minuto: prima ci ha provato Bonaventura, ma De Roon ha chiuso bene, poi Beltran assistito dal numero 5 e infine Nico Gonzalez ma ancora una volta il portiere orobico è stato attento.

Foto twitter account Atalanta

Ma il gol della Fiorentina si è concretizzato al minuto 31 quando Mandragora si è inventato una parabola pazzesca dalla lunga distanza realizzando una rete maestosa. Bel gesto atletico del centrocampista della viola che ancora una volta ha segnato un gol per nulla banale. Dopo il gol subito l’Atalanta è apparsa ancora più frastornata senza idee offensive. Al 42′ Nico Gonzalez su errore grossolano di Pasalic ha provato a realizzare il 2-0, ma Carnesecchi ha risposto negativamente. Con questa azione si è conclusa la prima parte di gioco con la Fiorentina molto più precisa nei passaggi e nella fase di costruzione. Orobici che hanno cercato di concludere le azioni costruite, ma spesso e volentieri non sono riusciti a terminarle decentemente.

Foto twitter account The Goalpost

Nella ripresa Gritti ha deciso di togliere Pasalic e Miranchuk per Ederson e Scamacca. La prima grande occasione del match è stata nei piedi di Hien servito da Koopmeiners, ottima è stata la risposta di Terracciano. Ma ancora è stata la Fiorentina ad andare vicinissima al gol: Nico Gonzalez di testa ha messo in seria difficoltà Carnesecchi. All’ora di gioco altro cambio nell’Atalanta: dentro Bakker per Ruggeri. La viola ancora vicina con il suo numero 10, ma il portiere atalantino ha detto ancora no salvandosi in calcio d’angolo.

Foto twitter account Atalanta

Al 66′ clamorosa occasione per il neo entrato Bakker: Scamacca ha servito Lookman che ha allargato verso l’olandese, ma il calciatore ha sprecato da due passi. Doppia occasione per la Fiorentina: prima il tiro di Belotti è stato deviato da Ederson e poco dopo Ranieri da calcio d’angolo ha mandato a lato. Tentativo di Parisi al 76′, Holm ha messo in angolo il tiro dell’ex giocatore dell’Empoli. Girandola di cambi: l’Atalanta ha inserito El Billa Touré per Lookman, mentre Italiano ha optato per la prima sostituzione inserendo Arthur al posto di Beltran.

Foto twitter account Serie A

Ci ha provato Scamacca a realizzare il gol del pari, Terracciano ha spedito in calcio d’angolo. Al ridosso del minuto 85 per i padroni di casa è entrato Ikone al posto di Belotti. Al 90′ è entrato Hateboer per Holm. Dopo 5 di minuti di recupero l’arbitro Maurizio Mariani ha decretato la fine del match. E’ stata una partita molto intensa quella realizzata dalla Fiorentina che ha meritato la vittoria per quanto costruito nel primo tempo. L’Atalanta rispetto alle altre uscite è sembrata poco coinvolta nella sfida con molti errori sia a centrocampo che sulle fasce. E’ sembrato che l’assenza della grinta in panchina di Gasperini sia stata determinante nell’impostazione della squadra.