• Tempo di Lettura:2Minuti

La Sardegna amministrata da
Christian Solinas, va incontro ad una stretta. Da prima regione d’Italia ad essere zona bianca e beneficiare dell’esenzione totale delle restrizioni, passa direttamente all’arancione, essendo congelate fino a Pasqua le zone gialle.

Sistematicamente ogni venerdì si deciderà il cambio di colore delle reioni italiane. Alla cabina di regia ci saranno il Ministero della Salute e Cts, infatti a partire da lunedì 22 marzo, entreranno in vigore le nuove colorazioni e la Sardegna abbandonerà la zona bianca per passare all’arancione. Mentre il Molise da zona rossa diventa arancione. È stata confermata la zona rossa per nove regioni e la provincia autonoma di Trento.

Tutte le regioni in zona arancione restano tali, per un attimo c’era la forte preoccupazione che Calabria e Toscana potessero diventare rosse. Alla fine, invece,  tutte le otto regioni (più la provincia autonoma di Bolzano) che si trovano in zona arancione resteranno in zona arancione.
Da lunedì 22 marzo in zona rossa saranno Lombardia, Lazio, Campania, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Piemonte, Veneto, Marche, Puglia e provincia autonoma di Trento, solo il Molise esce dalla lista

Michele Emiliano, presidente della Regione Puglia, sta per prendere in considerazione una zona rossa rafforzata: “Stiamo ragionando sull’ipotesi di stringere ulteriormente le misure rispetto a quelle previste dal governo nella zona rossa”, ha dichiarato.