• Tempo di Lettura:2Minuti

Clima, Ambiente ed Energia, gli importanti temi in programma nelle sale di Palazzo Reale il 22 e il 23 luglio, nell’ambito del G20. Un’ordinanza del Comune prevede una serie di misure che entreranno in vigore fino a venerdì: stop al traffico e alla sosta, in alcune zone; interdetto anche il traffico pedonale nelle aree del lungomare e in quelle vicine al Palazzo Reale.  Tra le aree maggiormente interessate ai vincoli ci sono Via Partenope (zona alberghi sul lungomare), il perimetro di Palazzo Reale e le zone del Teatro San Carlo, di Piazza Plebiscito e di Piazza Trieste e Trento.

A coordinare il G20 sarà il ministro della Transizione ecologica, Roberto Cingolani. “In questo momento abbiamo tutti i team al lavoro e vi posso garantire che fatichiamo a raggiungere un documento unificato e stiamo parlando di 20 Paesi, non di 160”, ha sostenuto Cingolani. “Tra questi 20 Paesi ci sono quelli che fanno il 80% del Pil e già questi 20 fanno fatica ad accettare il 55% di decarbonizzazione al 2030” ha aggiunto.

A Napoli saranno 48 ore di confronti tra ministri, diplomatici, delegazioni di tecnici.  Si tratterà di ecosistemi e soluzioni che mettono al centro la natura con l’obiettivo di individuare e stabilire modelli e mezzi in grado di affrontare il cambiamento climatico, la biodiversità e la povertà. Per l’importante evento, questo il percorso alternativo del traffico veicolare nelle giornate del G20, pubblicato anche sul sito del Comune

link. https://www.comune.napoli.it/dispositivo-circolazione-g20

Si allega anche il file della mappa con la legenda delle strade e dei percorsi alternativi.