• Tempo di Lettura:2Minuti

Dopo 31 anni  l’ex comandante dei ROS Sergio De Caprio, meglio noto come “capitano Ultimo”, ha tolto il passamontagna che gli ha coperto il volto negli ultimi decenni per celarne l’identità. Era Il 15 gennaio 1993 quando la squadra dei militari dei ROS, capitanata da De Caprio, ha arrestato a Palermo il capo dei capi di Cosa nostra Toto Riina. Famoso il botta e risposta tra il boss mafioso e il capitano Ultimo che alla domanda “chi siete? Chi vi manda?” ha risposto prontamente: “Ci mandano Falcone e Borsellino!”

Davanti alla platea del Teatro Quirino di Roma il generale Sergio De Caprio ha annunciato la sua candidatura alle elezioni europee del’8 e 9 giugno nel listone LIBERTA’ guidata dal sindaco di Taormina Cateno De Luca. Il capitano Ultimo torna dunque in politica dopo l’esperienza di assessore regionale all’Ambiente della regione Calabria, incarico assegnatoli dall’allora governatrice Jole Santelli e che ha ricoperto dal febbraio 2020 all’ottobre 2021.

Fonte foto sito ufficiale Regione Calabria

Nel corso del suo intervento al Teatro Quirino di Roma Sergio De Caprio ha abbassato il passamontagna e spiegato il suo gesto, come riportato da Rai News: “Oggi, dopo 31 anni, tolgo la copertura al mio volto, la mia ultima difesa dalla mafia, perché a viso aperto voglio continuare a servire il popolo italiano con lo stesso coraggio, con la stessa umiltà che ho avuto da carabiniere della gente”.