• Tempo di Lettura:1Minuto

Il CVC Fund VII entra nel Sei Nazioni mettendo sul tavolo 365 milioni di sterline pari a 426 milioni di euro. Per un piano che riguarderà i settori, maschile, femminile e Under 20. Dopo la Formula 1 ora tocca al Rugby.

Le sei Federazioni che gestiscono il torneo manterranno l’85% della proprietà. Al rugby italiano spetteranno tra 55 – 66 milioni in 5 anni. Il rimanente 15% va a CVC, il piano dovrebbe garantire la permanenza dell’ Italia nel torneo. Prevede ancora un cambio di formato, con l’introduzione di playoff tra l’ultima del Sei Nazioni e la prima del Sei Nazioni B, o anche l’ingresso di altre nazioni come per esempio il Giappone. Il Presidente uscente della Federazione Italiana Rugby Alfredo Gavazzi (le elezioni si terranno sabato 13 marzo presso la nuova Fiera di Roma) è convinto che il piano porterà una boccata d’ossigeno al mondo ovale italiano, garantendone la permanenza nel torneo anche dopo il 2024, anno di scadenza del contratto. Seguiteci su http://www.persemprenews.it