• Tempo di Lettura:2Minuti

Questa prima domenica d’avvento, andiamo tutti alla ricerca del Paese dell’anima. Non è il Paese dei panorami mozzafiato che potremmo incontrare nel corso di viaggi verso mete turistiche, ma è l’unico Paese in cui potremmo ritrovare la serenità della nostra anima, duramente e perennemente messa alla prova dagli avvenimenti pubblici e privati della nostra Vita.

Per poter raggiungere il Paese dell’anima ci occorre una guida, sicuramente non turistica, ma una guida rappresentata da una persona che con il suo esempio, voglia fare lo stesso percorso nostro per poter raggiungere la meta. Ed ecco che allora ci vengono in aiuto tutte quelle persone laiche e non che giorno dopo giorno, domenica dopo domenica, ascoltano la parola di Dio e cercano di infonderla dentro di se per poi trasportarla nella vita quotidiana. Tuttavia per farlo bisogna restare umili, mai pensare che la nostra condizione di ricercatori del Paese dell’anima, ci renda migliori degli altri.

Chi va in chiesa ed ascolta il Vangelo, compie opere ed attività ad essa correlate, che sia quella di ministrante o altro, non deve mai fare l’errore di credere che per questo motivo è migliore degli altri ed è in grado di poter giudicare gli altri. Al contrario egli è solo più fortunati poiché a differenza di altri, ha capito qual è il vero Paese da ricercare e cioè quello della propria anima.

Domenica

Quando lo avra’ raggiunto dovrà fare di tutto, con l’esempio della sua vita, per invogliare gli altri a fare lo stesso percorso per poi poterlo un giorno raggiungerlo. Perché il Paese dell’anima a differenza di tutti gli altri Paesi terreni, non ti ammalierà’ mai con le sue bellezze per poi abbandonarti nel momento in cui il Cristo ti chiamerà a se. Il Paese dell’anima invece non ti abbandonera’ mai e nell’ora del giudizio è l’unico che sapra’ degnamente ospitarti se avrai meritato tale condizione.

Seguiteci su https://www.facebook.com/persemprenews