• Tempo di Lettura:2Minuti

Bella notizia sui flussi commerciali all’estero partiti dall’Italia. Lo stivale si conferma uno dei maggiori esportatori dell’Unione Europea.

Ti consigliamo questo – NUOVI VEICOLI COMMERCIALI E MULTISPAZIO RENAULT

I dati Istat

Roma, Italia – L’Istituto Nazionale di Statistica ha rilasciato gli ultimi dati relativi alla crescita per i flussi commerciali della mensilità di marzo 2021. Crescita del 3,2% per le esportazioni e del 6% per le importazioni. Incremento di vendite nell’area UE del 3,7% e del 2,6% per i mercati fuori dall’Unione Europea.

Netto incremento nel primo trimestre del 2021 (export + 2,6% e import +5%). Crescita sostanziale delle esportazioni su base annua del 28,1% che vede più consistente le percentuali nella zona europea (32,6%) e leggermente minore per quella extra UE (23,2%). Più visibile l’incremento dei dati import che salgono del 35,1% rispetto all’ultimo trimestre 2020.

Ti consigliamo questo – Giornata internazionale contro l’omofobia – H.E.R. il nuovo singolo “Voglio essere felice”

I settori che hanno contribuito all’aumento

L’Italia si riconferma potenza dell’export automobilistico con un incremento dell’80,1%, segue il settore pelletteria e pellicceria (+57,4%), i mezzi di trasporto (autoveicoli esclusi) con +43,6%, metalli di base e prodotti in metallo (escluse le macchine e gli impianti) con il +35,4% e i macchinari e le apparecchiature n.c.a. con un aumento del 32,2%.

In calo il settore farmaceutico con il -9,3% rispetto all’ultimo trimestre 2020.

Continua quindi la crescita verso le collaborazioni commerciali con i principali paesi partner dell’Italia. Al primo posto i Paesi Bassi con il +51,6%, segue la Francia con il +39%, la Spagna con un aumento del 37,4%, la Svizzera (+35,7%) e la Germania (30,6%).

FONTE: Ansa, Istat

Ti consigliamo questo – Seychelles: i vaccini non fermano il Covid

Segui anche PerSempreCalcio.it