• Tempo di Lettura:2Minuti

A partire dalla notte di ieri fino al 6 gennaio, le città lombarde che ospiteranno le tappe delle tre Corse Rosa illuminano di rosso e rosa i loro luoghi più caratteristici. Il progetto, ideato da RCS Sport in collaborazione con l’Assessorato al Turismo della Regione Lombardia, ha l’obiettivo di promuovere e valorizzare le eccellenze dei territori che verranno toccati da Giro d’Italia, Giro d’Italia Women e Giro Next Gen, oltre a sensibilizzare con l’utilizzo del colore rosso sul tema della violenza di genere.

Barbara Mazzali, Assessore al Turismo, Marketing Territoriale e Moda della Regione Lombardia: “Rosa e rosso sono due colori simbolo: il rosa è il colore del Giro d’Italia e lo accendiamo sui monumenti per valorizzare e promuovere il nostro territorio e il suo immenso patrimonio culturale artistico. Il rosso vuole essere invece un’ulteriore occasione per portare all’attenzione di tutti il dramma ormai quotidiano degli abusi e dei soprusi che moltissime donne e non solo, ogni giorno sono costrette a subire. Attraverso uno sport come il ciclismo, che per definizione esprime valori di parità e rispetto, vogliamo ricordare che nessuno è solo e che bisogna denunciare, perché uno schiaffo non è un atto d’amore, ma la carezza è un atto d’affetto. E nulla più di una corsa ciclistica può rappresentare il valore della forza e della libertà“.