• Tempo di Lettura:2Minuti

Nel cuore della Toscana, precisamente a Pontedera, in provincia di Pisa, è nata una leggenda a quattro zampe: Mika, il boxer italiano che ha fatto breccia nei cuori di tutto il mondo canino. A soli due anni di età, questo magnifico esemplare si è distinto come il cane più bello del mondo al prestigioso International Dog Show all Breeds, il campionato mondiale di cinofilia tenutosi a Zagabria, in Croazia.

Il merito va a Stefano Bartolini, un allevatore con oltre 40 anni di esperienza nel mondo dei boxer, che ha dedicato la sua vita a selezionare e valorizzare questa straordinaria razza. «Siamo campioni del mondo, è una gioia immensa», ha dichiarato Bartolini, visibilmente emozionato per il trionfo di Mika. Ma non è stato l’unico successo per Casa Bartolini, poiché anche Paloma, un’altra degli esemplari allevati da Stefano, ha conquistato una medaglia, classificandosi al terzo posto mondiale nella categoria femminile.

Mika il cantante vuole conoscere il suo omonimo

La curiosità più affascinante riguardo a Mika è il suo nome, scelto in onore del famoso cantante Mika, grande idolo della moglie di Stefano. Come dire, il destino ha voluto che questo cane portasse il nome di una stella della musica, e la sua fama non si è limitata solo al mondo cinofilo. Il cantante Mika stesso ha espresso il desiderio di incontrare il suo omonimo a quattro zampe, annunciando di avere una casa in Toscana e promettendo di fare visita a Pontedera non appena avrà l’occasione.

La vittoria di Mika al campionato mondiale non è stata una sorpresa solo per la giuria e gli appassionati della razza, ma anche per il cantante internazionale Mika, che non vede l’ora di stringere la zampa al suo omonimo peloso. La classe Lavoro, in cui gareggiava Mika, è la più ambita e competitiva, dove ogni esemplare viene valutato attentamente per morfologia, caratteristiche fisiche e bellezza del movimento.

L’eredità di Mika, il boxer italiano che ha conquistato il mondo, è destinata a lasciare un’impronta indelebile nel mondo della cinofilia, dimostrando che la bellezza e l’eleganza non conoscono confini. La storia di Mika e del suo padrone, Stefano Bartolini, è un tributo alla passione, alla dedizione e all’amore per questi meravigliosi animali che portano gioia e meraviglia nelle nostre vite quotidiane.