• Tempo di Lettura:2Minuti

È stabile e fuori pericolo la bimba di due anni e mezzo che questa mattina è stata azzannata da un pitbull mentre stava giocando con la gemellina.
La piccola è stata portata in ambulanza al Niguarda dove l’hanno raggiunta i genitori che si trovavano al lavoro al momento dell’aggressione. Fortunatamente, la bimba è ora stabile e al sicuro. La zia delle bambine che le ha salvate chiudendole in una stanza è stata ferita e portata in ospedale ma non è grave e si riprenderà al più presto. Il pitbull è stato rinchiuso in un canile e le autorità locali stanno indagando sull’accaduto.

IL CODACONS CHIEDE IL PATENTINO PER I CANI PERICOLOSI

“Al di là del nuovo caso e delle dinamiche che hanno causato l’aggressione di Sesto San Giovanni, è indubbio che esistano razze di cani potenzialmente pericolose per l’uomo, e che la loro diffusione sul territorio è in forte aumento anche a causa di mode e tendenze del momento” È quanto dichiarato dal presidente, del Codacons Marco Maria Donzelli che ha aggiunto: “Indipendentemente dall’educazione che si dà al proprio animale, è universalmente riconosciuto come alcune razze, ad esempio pitbull o rottweiler, per le loro caratteristiche peculiari fisiche (potenza, robustezza, dentatura) possano provocare ferite letali in caso di morsicatura. Proprio per questo, e senza ovviamente demonizzare gli animali, chiediamo da tempo un patentino obbligatorio per chi possiede cani particolarmente potenti e potenzialmente pericolosi. Il morso di un volpino, infatti, non causa certo le stesse ferite del morso di un pitbull”.