• Tempo di Lettura:1Minuto

Tragedia in Valtellina durante un lite familiare scoppiata all’interno di un’abitazione di Poggiridenti (Sondrio), nella tarda serata di ieri.
Un giovane, nel bel mezzo di una discussione, ha afferrato un coltello e ha pugnalato mortalmente lo zio alla gola. Nonostante gli sforzi degli altri membri della famiglia che hanno chiamato i soccorsi, non c’è stato nulla da fare. I carabinieri locali del Comando Provinciale di Sondrio sono arrivati sul posto e hanno ascoltato il racconto del presunto assassino, collaborando con il magistrato della Procura di Sondrio, diretto da Piero Basilone, per ricostruire il macabro crimine. Il movente della lite sfociata in omicidio rimane ancora sconosciuto e oggetto d’indagine.
La vittima era un uomo di cinquant’anni. L’omicida è stato condotto alla caserma Alessi per essere interrogato. L’allarme è scattato immediatamente ma purtroppo, quando l’ambulanza e l’équipe medica sono arrivate sul posto, non hanno potuto fare più niente per lui se non constatarne la morte.
La casa in cui si è verificato questo tragico incidente è stata messa sotto inchiesta.