Con il nuovo Dpcm del 2 marzo 2021 si è sancito il ritorno ad uno spettro per genitori e figli: riparte la DAD.

Dad, acronimo di didattica a distanza, rappresenta una specie di incubo per molti, ma quale impatto ha realmente sulla vita dei nostri figli? Soprattutto gli adolescenti, ma anche i bambini della scuola dell’infanzia ed elementari sono privati del punto di incontro che rappresenta in gran parte la costituzione della loro identità sociale fuori dalla famiglia.

Effetti della DAD

Venendo a mancare materialmente il posto della scuola i ragazzi si sentono più soli e quel vuoto non riesce ad essere colmato da una chiacchierata con un video, e può essere causa di possibili disagi.

Creare una relazione con i docenti e tra i compagni che sia di supporto alla didattica è veramente complicato se non quasi impossibile. Questa mancanza è sentita molto di più sulla pelle dei bambini che frequentano la scuola primaria, dove l’apprendimento passa molto di più dalle emozioni che dal semplice imparare nozioni.

Non solo teorie

Ma la scienza ci spiega un pò come questa DAD sia diversa, o meglio di come lo siano i suoi effetti in confronto alla didattica tradizionale.

Come detto prima le relazioni interpersonali, gestite dai neuroni specchio, sono messe a dura prova, ma lo è anche la memoria. I neuroni gps sono preposti alla memorizzazione di luoghi ed eventi, alla correlazione tra le esperienze e il luogo dove avvengono per poterle usare come fattore di personalizzazione del proprio io. Non avendo più un luogo diverso, nella DAD questi neuroni non vengono attivati, con effetti a caduta sulla memoria dei nostri piccoli studenti.

Si tenderà a dimenticare molto in fretta argomenti e nozioni che hanno richiesto molto più tempo del normale ad essere acquisiti.

La DAD per mamma e papà

Per non parlare dell’impegno di mamma e papà che dovranno barcamenarsi tra smartworking e lezioni…compiti e altro…ecco un video fatto da una mamma con una colonna sonora che si trova in rete e gira nei gruppi delle classi di whatsapp! Buona visione