• Tempo di Lettura:3Minuti

Roma, la conferenza Italia-Africa, il vertice internazionale che precede il prossimo G7 a guida italiana, si è aperta con la cena di galà al Quirinale dove erano presenti oltre 25 capi di Stato e di governo e ai vertici dell’Unione Africana e delle Nazioni Unite.

A fare gli onori di casa sono stati il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella il Presidente del Consiglio Giorgia Meloni e il vice premier e ministro degli Esteri Antonio.
All’incontro erano presenti anche i vertici dell’Unione Europea,  Ursula von der Leyen, Roberta Metsola e Charles Michel, oltre

Nel suo discorso di apertura il Capo dello Stato ha rivolto il suo benvenuto gli ospiti riuniti a Roma per il vertice, come riportato dall’Agi: “Ci sfidano cause comuni che vedono a rischio il valore della pace e, quindi, del destino dell’umanità esplorare lo straordinario potenziale di sviluppo delle relazioni tra Africa ed Europa sul terreno politico, per spegnere i focolai di tensione e di conflitto, sul terreno economico, per realizzare una produzione sostenibile e un’equa distribuzione delle risorse, per accrescere il patrimonio delle nostre rispettive culture, è il compito che sta dinanzi a noi. ll prezzo di una nostra incapacità a questo riguardo verrebbe pagato dalle future generazioni, alle quali non possiamo consegnare società impoverite, ambienti degradati, migrazioni come dolorosa risposta a problemi irrisolti.
Un proverbio africano di grande saggezza recita: ‘Se vuoi andare veloce corri da solo. Se vuoi andare lontano, vai insieme a qualcuno’. Affinché il nostro sia un cammino comune, verso gli obiettivi del benessere e della pace in Africa, in Europa e nel mondo, occorre mettere in campo congiuntamente le nostre rispettive volontà”.

Roma

Stamane al Senato il premier Giorgia Meloni presenterà il Piano Mattei, accolto con favore dai vertici dell’Ue, che come ha dichiarato da Ursula von der Leyen nel corso del suo intervento al Quirinale “si ha adatta bene alla visione congiunta per il 2030”. Come dichiarato dal Capo del Governo italiano ai microfoni del Tg1: “il nostro obiettivo è quello di presentare la nostra visione dello sviluppo dell’Africa. Il Piano Mattei è un approccio nuovo non predatorio, non paternalistico o caritatevole, ma è un approccio da pari a pari per crescere insieme. Abbiamo stabilito delle materie prioritarie su cui lavorare e dei paesi piloti nei quali avviare i primi progetti. I vantaggi per l’Italia sono innumerevoli, tutto quello che accade in Africa in qualche modo ci coinvolge dall’emigrazione, alla sicurezza passando per le catene di approvvigionamento; per noi è fondamentale uno sviluppo adeguato del continente africano”.

Di diverso avviso le opposizioni che criticano il Piano Mattei che in questi giorni il Governo presenterà ai vertici del continente africano, gli esponenti del Partito Democratico lo hanno definito “una scatola vuota” mentre l’ex ministo Elena Boschi, parlamentare di Italia Viva, ha dichiarato: “dal governo solo annunci e propaganda”.

https://www.facebook.com/persemprenews/, https://twitter.com/home