• Tempo di Lettura:2Minuti

Solo ipotesi . L’Italia dei colori, rossa, gialla, arancione , arancione scuro, bianca, nata per soddisfare le richieste delle Regioni in gara per la libertà non convince. “La notte è nostra” gridano i giovani insofferenti ad ogni forma di restrizione. Immagini che fanno rabbrividire, in migliaia nei luoghi della movida incendiano notti che per decreto dovrebbero essere silenziose e tranquille.

La pandemia ci ha resi apatici, ci ha insegnato a fare a meno di tutto: niente viaggi, zero incontri, no alle cene, superfluo anche uscire per acquistare un golfino o un tubino trend, non si esce, meglio pigiama e pantofole. Lo smartphone fa compagnia alle nostre giornate insulse, mentre la tv accesa per fare presenza, ci asfissia con le informazioni sulla circolazione del virus e le sue varianti: siamo tuttologi ormai, ci permettiamo timidi consigli con chi ne sa di meno e chiede un parere.

Cambio di passo, per forza di causa: i vaccini non ci sono, si cambia strada, al posto di due, una sola dose. L’Ema, l’autorevole Agenzia del farmaco, è propensa a rispettare le indicazioni delle case produttrici incentrate sul secondo richiamo per ottenere una copertura del 100%. L’ Europa punta a vaccinare 255 milioni di cittadini entro la fine dell’estate. Il Presidente Sassoli da Bruxelles ha aperto alle deroghe dei brevetti per produrre anche da noi, sollecitando il passaporto sanitario utile alla ripresa del turismo.

La rassegnazione in mancanza di punti di riferimento è l’ unico punto fermo nel mare delle incertezze. Solo ipotesi…

Seguici anche su www.persemprecalcio.it