Strage treni Puglia, difesa imputati

(ANSA) – BARI, 08 NOV – Parola alle difese nell’udienza preliminare in corso dinanzi al gup di Trani sulla strage ferroviaria che il 12 luglio 2016 causò tra Andria e Corato la morte di 23 persone il ferimento di altri 51 passeggeri. L’ex presidente del cda di Ferrotramviaria, il conte Enrico Maria Pasquini, si è difeso sostenendo che, quando è avvenuto l’incidente, non ricopriva quel ruolo ormai da tre anni. A lui e agli altri dirigenti della società la Procura di Trani contesta di non aver adeguatamente valutato i rischi, violando una serie di norme sulla sicurezza. Non avrebbero cioè programmato l’adeguamento tecnologico di quella linea a binario unico e che funzionava con il sistema del blocco telefonico. Per la strage rischiano il rinvio a giudizio 17 persone tra dirigenti e dipendenti della società Ferrotramviaria e del Ministero, oltre alla stessa società Ferrotramviaria.
   

FONTE: Ansa.it

In questo articolo si riporta quanto pubblicato dal sito http://www.ansa.it/sito/notizie/cronaca/cronaca.shtml sull'argomento indicato nel titolo.

Informativa sui contenuti pubblicati: Parte dei contenuti presenti su Per Sempre News provengono da Internet, essendo considerati di pubblico dominio, perciò qualora gli Autori fossero contrari alla loro pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione – redazione@persemprenews.it – che provvederà prontamente alla rimozione.
300 x 250 – Lombardi – Post sponsorizzato