• Tempo di Lettura:2Minuti

Episodio ripreso e diffuso sui social

Aggressione e violenza sotto lo sguardo attonito di bambini e bagnanti a Napoli. Sono stati attimi di paura quelli causati da due napoletani il 14 maggio scorso, quando presso “la Spiaggia delle Monache” ci fu una doppia lite durante una giornata al mare. Il Questore di Napoli ha emesso 2 provvedimenti ex art. 13bis del D.L. 14/2017, come modificato dal D.L. 130/2020, nei confronti dei due napoletani di 43 e 38 anni resisi responsabili di lesioni personali aggravate.

Secondo la ricostruzione delle forze dell’ordine, lo scorso 14 maggio una volante del Commissariato Posillipo era intervenuta in via Posillipo presso “la Spiaggia delle Monache” per la segnalazione di una lite sull’arenile ed avevano accertato che il 38enne, infastidito da un minore che stava giocando insieme ad altri ragazzi, lo aveva dapprima richiamato e, di fronte alla sua risposta sgarbata, lo aveva spinto facendolo rovinare su uno scoglio provocandogli lesioni al volto.

In quei frangenti, il giovane aggredito aveva chiamato il padre il quale, giunto sulla spiaggia imbracciando un casco da motociclista, lo aveva utilizzato per colpire il 38enne  trascinandolo in acqua dove, solo grazie all’intervento di altri bagnanti, l’uomo era riuscito a sottrarsi ai numerosi colpi dell’aggressore. 

L’episodio, ripreso da un bagnante,  era stato altresì diffuso su numerosi social network. 

I provvedimenti, istruiti e predisposti dalla Divisione Polizia Anticrimine della Questura, prevedono il divieto, per un anno, di accedere ai pubblici esercizi e ai locali di pubblico trattenimento siti nel Comune di Napoli in particolare in via Posillipo, via Petrarca, via Sermoneta, largo Sermoneta, via Mergellina e via Caracciolo nonché il divieto di stazionamento nelle immediate vicinanze degli stessi.