• Tempo di Lettura:2Minuti

A Roma, nella zona di Trigoria, la sera di venerdì 23 febbraio, alcuni passanti hanno notato un uomo avvolto dalle fiamme in via Alvaro del Portillo, proprio di fronte all’ingresso dell’ospedale Campus Biomedico.

Quando la squadra di soccorso è arrivata, la vittima era già deceduta. Secondo il ‘Corriere della Sera’, il deceduto è un uomo anziano che non aveva alcun documento di identificazione. L’uomo aveva con sé solo un cappello e un bastone. Sotto il suo corpo, la polizia ha trovato un accendino.

La causa della morte dell’uomo trovato davanti al Campus Biomedico

Un esame esterno preliminare condotto dal medico legale sul corpo dell’anziano non ha rivelato alcun segno di violenza, anche se sarà necessaria un’autopsia per determinare come l’uomo sia morto dopo essere stato avvolto dalle fiamme davanti al Campus Biomedico di Trigoria, a Roma.

La polizia locale di Pomezia sta indagando sul caso e ha interrogato alcune persone per ricostruire ciò che è accaduto prima della morte dell’anziano. Non si esclude che l’uomo possa essersi tolto la vita dandosi fuoco con l’accendino trovato sotto il suo corpo, dopo essersi cosparso di benzina. L’incidente che è stato soprannominato il “giallo di Trigoria” deve essere approfondito per determinare se esiste un collegamento tra il potenziale atto deliberato dell’anziano e l’ospedale in cui è tragicamente morto in un incendio, ossia il Campus Biomedico.