Con obbligo vaccinale per gli ultra-cinquantenni e l’estensione del super green pass, potremo allentare la pressione sugli ospedali, visto che l’impennata dei ricoveri è dovuta in larghissima parte a persone non ancora vaccinate e con il decreto approvato all’unanimità in Consiglio dei ministri, l’Italia resta aperta, tutela la salute dei cittadini e la tenuta del sistema ospedaliero. Come sempre il governo ha tenuto conto, con pragmatismo e senso di responsabilità, dell’evidenza dei numeri: l’occupazione delle terapie intensive oltre il 15%, quelle dei posti letto in area non critica oltre il 20%, e l’esplosione dell’incidenza e delle vittime di queste ultime due settimane, imponevano un deciso passo in avanti nell’azione di contrasto al virus”. E’ quanto ha detto Mariastella Gelmini, ministro per gli Affari regionali e le autonomie.

“Procediamo con la necessaria gradualità, con riguardo anche dell’esigenza di non interrompere la produzione e i servizi essenziali. È politicamente significativo che questo risultato sia stato raggiunto senza divisioni nella maggioranza, grazie all’impegno del presidente Draghi e al senso di responsabilità di tutti i partiti. Ora dovremo occuparci – e lo faremo da subito con un apposito tavolo di lavoro – di risarcire quelle attività che hanno subito danni economici dalla stretta di capodanno, a cominciare dal settore delle discoteche e dell’intrattenimento, costretto ad un nuovo stop”, ha concluso.

Seguiteci anche su www.persemprecalcio.it