Salerno. La Pizza della Settimana è la salsiccia e friarielli della Puntella

E bravo Amedeo Romano.

E’ riuscito in poco più di una settimana a mettere a registro la sua pizza per l’inaugurazione della nuova pizzeria ‘A Puntella a Salerno in zona Pastena.

Una pizza canotto generosa di dimensioni che prova a dire la sua in un palcoscenico affollato dalle proposte dei migliori pizzaioli che si sono dedicati anima e corpo al cornicione “scostumato”: dal pioniere Carlo Sammarco ad Aversa (e Frattamaggiore) alla super star Salvatore Lioniello a Succivo, da Diego Vitagliano ad Agnano a Giuseppe Pignalosa che proprio a Salerno ha portato con grande successo il tipo di pizza napoletana contemporanea e via via agli altri attori come i fratelli Martucci a Caserta.

Vedremo nelle prossime settimane se la pizzeria ‘A Puntella (qui leggete menu, prezzi e significato del nome) saprà affermarsi nel panorama salernitano come indirizzo di riferimento della comunità degli appassionati della pizza.

Intanto all’inaugurazione è stata presa d’assalto manco fosse il Forno delle Grucce. La novità, il tam tam dei social, l’apprezzamento per Amedeo e il socio Alessandro Genovese e l’invito a tutta la città hanno creato il caos nella pizzeria che è pure di abbondanti dimensioni. Amici, curiosi e food blogger (con Gianfranco D’Urso di Pizza Napoletana da 900 mila follower e le sue dirette in prima linea), ma anche istituzioni con l’assessore al commercio della città Dario Loffredo.

In questo magma, Amedeo Romano e il suo assistente Camillo hanno dato prova di freddezza sfornando una pizza che ha convinto il nostro tavolo: la salsiccia e friarielli in crema.

La pizza salsiccia e friarielli della Puntella

Il mio conflitto di interessi con la salsiccia e friarielli penso sia conosciuto: l’antigelo per eccellenza che ne la fa preferire in questo periodo a pari merito con la sempre difficile da trovare (buona) soffritto. La pizza di Amedeo Romano si è fatta apprezzare per le condizioni estreme in cui è stata sfornata e per quel salto rispetto all’anteprima di cui vi abbiamo dato conto.

L’impasto resta un po’ tenace rispetto ad altre pregevoli esecuzioni come la salsiccia in crema e foglie cristallizzate di Salvatore Lioniello, ma il grado di scioglievolezza è buono. Il topping è equilibrato con i friarielli aprilatici, la salsiccia di maialino nero casertano che è uno spunto in più, il fior di latte 100% Campania e l’olio extra vergine di oliva del Cilento.

Lo so, non si dovrebbe giudicare da una inaugurazione, ma le carte in regola ci sono e anche il prezzo di 7 € è corretto.

Comunque il successo è stato tale che la pizza, non prevista in menu, verrà inserita accanto alla tradizionale salsiccia e friarielli in foglie.

Poi siamo al sicuro perché il giudizio dei clienti potrà confermare o meno la bontà di questa pizza.

Un attimo di attenzione sarà invece necessario per i fritti, ma lo specialista Renato Ruggiero in forze al team Perrella che qui ha messo marchio, birra e prodotti è già al lavoro per le correzioni del caso. Si potrà avvalere della squadra dedicata in cucina.

Saremo curiosi di conoscere anche il parere rispetto alla tradizionale “Broccola” del menu (sempre a 7 €).

Intanto vi segnaliamo anche la Carciofi con carciofo bianco di Pertosa (altro presidio Slow Food) e lardo (8 €).

E una convincente Marinara con un prezzo di attacco di 4 €.

Fateci sapere il vostro giudizio e soprattutto comunicatelo a Amedeo Romano.

à Puntella. Via Ugo Foscolo, 20. Salerno

    1. La Liquirizia in giallo di Sasà Martucci a Caserta
    2. La Capricciosa soffice di La Pizzeria Nazionale a Milano
    3. La Fior di Formaggi di Da Zero a Milano
    4. La Quattro Latti di Gino Sorbillo a Napoli
    5. La Radicchio Affumicato di Cenerè a Milano
    6. La Assaje di Assaje a Milano
    7. La Salsiccia e friarielli in 3 indirizzi imperdibili a Napoli
    8. La Senza Lievito di Renato Bosco a Verona
    9. La Sardegna di Gino Sorbillo in versione Gourmand a Milano
    10. La stellare Agro Romano della Gatta Mangiona a Roma
    11. Lazio di Pizzium a Milano
    12. La Pizza che Unisce da Ciro Oliva nel segno Unesco da Concettina ai Tre Santi a Napoli
    13. La Campania Mia di Giuseppe Pignalosa a Le Parùle di Ercolano
    14. La Viola di Lievità a Milano
    15. La Soffritto di Gaetano Genovesi a Napoli
    16. La Rustica con Fior di Latte e salsiccia di Briscola a Milano
    17. La Genovese di Angelo Pezzella a Roma
    18. La Mastunicola di Sbanco a Roma
    19. La Ventricina di Dry a Milano
    20. Hamilia, cioè la via emiliana alla pizza a Milano
    21. La Bianco Tanagro di Da Zero a Milano
    22. Le 25 migliori pizze dei 25 anni della Taverna in Porta Vittoria a Milano
    23. Roma. È “Maggica” per davvero, la pizza di Seu Illuminati a Trastevere
    24. Succivo. La Don Agostino della pizzeria Da Lioniello perfetta per salutare l’estate
    25. La Margherita di Cocciuto a Milano
    26. La salsiccia e friarielli Nuvola di Pignalosa a Salerno
    27. La Faccia Gialla fritta di Napoli 1947
    28. La pizza con lo stoccafisso di Carmnella a Napoli

In questo articolo si riporta quanto pubblicato dal sito https://www.scattidigusto.it/ sull'argomento indicato nel titolo.

Informativa sui contenuti pubblicati: Parte dei contenuti presenti su Per Sempre News provengono da Internet, essendo considerati di pubblico dominio, perciò qualora gli Autori fossero contrari alla loro pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione – redazione@persemprenews.it – che provvederà prontamente alla rimozione.
300 x 250 – Lombardi – Post sponsorizzato