• Tempo di Lettura:5Minuti

La Roma perde di misura in casa del Brighton ma forte dell’abbondante vantaggio dell’andata si aggiudica il passaggio ai quarti di finale di Europa League.
La squadra di De Zerbi, nonostante l’assedio, è riuscita solo a segnare un gol nel primo tempo con Wellbeck complice anche ad un super Svilar che ha protetto egregiamente la sua porta.

La cronaca della partita


Il Brighton scende in campo determinato, spinto dal calore del suo pubblico che crede nella rimonta.
La squadra di casa prova a fare la partita mettendo in difficoltà la Roma, che gode di un ampio vantaggio visto il 4-0 dell’andata, in cerca del gol.
Al 4′ minuto Enciso crea scompiglio sull’out di sinistra e costringe Celik al fallo per fermare la sua incursione.
Sugli sviluppi del calcio di punizione Van Hecke si inserisce bene ma viene chiuso prontamente da Mancini che mette in calcio d’angolo.
Il pressing alto, che è stato determinante nel match di andata, sembra funzionare anche sta sera con i giallorossi che contengono le sortite avversarie provando a sfruttare gli spazi a centrocampo per far male alla squadra di De Zerbi.
Partita entra nel vivo al quarto d’ora, quando la Roma ha la prima occasione del match con Azmoun. L’attaccante iraniano è bravo a sfruttare l’errore di Lampety e a coordinarsi e a calciare dal limite dell’area, ma il suo diagonale termina sul fondo.
Dopo il sospiro di sollievo il Bringhton prova rimettere i capitolini sotto pressione e qualche minuto dopo si crea due nitide occasioni.
Prima al 20′, su calcio di punizione, Gross serve Gilmour che ci prova con un tiro al volo dalla distanza ma la sfera termina alta.
Un minuto dopo lo stesso Gross si sbarazza di N’Dicka e calcia un diagonale insidioso che si spegne sul fondo.
Al 22′ la Roma sblocca il risultato con la bellissima rovesciata di Azmoun che non lascia scampo a Verbruggenche.
Tuttavia le rete è stata annullata dall’arbitro tedesco Zwayer, con l’ausilio del VAR, per gioco pericoloso e il numero 17 giallorosso è stato ammonito.
Stessa sorte è toccata anche al tecnico Daniele De Rossi, che ha preso il cartellino giallo per proteste.
Il pubblico dell’Amex Stadium continua ad incitare la squadra che al 26′ ha una nuova occasione con Gilmour che, sugli sviluppi di un corner, raccoglie una palla vagante e calcia in modo impreciso spedendo il pallone sul fondo.
Il Bringhton chiude la Roma nella propria metà in cerca del gol del vantaggio e verso la fine della prima frazione di gioco gli sforzi della compagine inglese vengono premiati.
Al 37′, infatti, Welbeck riceve palla da Estupinan e trafigge Svilar con un destro a giro che consente alla sua squadra di passare in vantaggio e di poter ancora sperare nella rimonta.
La Roma può tenere ancora conto di tre gol di vantaggio, tuttavia la tensione in campo si fa sentire.
Nel finale di primo tempo vengono ammoniti Pellegrini e Estupinan per un battibecco, l’estremo difensore della Roma Svilar per perdita di tempo e Roberto De Zerbi.
La due squadre, dopo cinque minuti di recupero, vanno a riposo sul risultato di 1-0 in favore dei  Seagulls.

Secondo tempo

Nella ripresa le due squadre scendono in campo con gli stessi ventidue protagonisti del primo tempo.
Dopo pochi minuti dal rientro in campo la Roma prova subito ad acciuffare il pareggio che garantirebbe il passaggio sicuro del turno.
Al 49′ Pellegrini ci prova dalla lunga distanza ma il suo tiro viene deviato da Azmoun e termina tra le braccia del portiere del Brighton.
Dopo dieci minuti dall’inizio del secondo tempo mister De Zerbi effettua due cambi c lanciando in campo Buonanotte e Ansu Fatial posto di Lallana ed Enciso.
L’esterno scuola Barcellona si rende subito pericoloso con un cross insidioso dalla sinistra su cui Svilar si esalta e riesce a sventare il pericolo.
Successivamente  Estupinan  imbecca Adingra che cerca l’incornata vincente, ma pecca di imprecisione e il pallone si spegne sul fondo.
Poco prima del quarto d’ora del secondo tempo i capitolini hanno una ghiotta occasione con Spinazzola: l’esterno giallorosso si mette in proprio e lascia partire un tiro insidioso che si infrange sul palo.
Il tempo score all’Amex Stadium e l’ex allenatore del Sassuolo inserisce  Igor al posto di Lamptey e  Ferguson al posto di Estupinan in cerca dei gol che consentirebbero alla sua squadra di approdare ai tempi supplementari.
Al 62′ Adingra ci riprova di testa ma ancora una volta Svilar abbassa la saracinesca e nega il raddoppio agli inglesi.
Prosegue l’assedio dei padroni di casa in cerca del raddoppio e, verso i venti minuti di gioco del secondo tempo, la pioggia rende più pesante il terreno di gioco.
Al 70′ Welbeck cerca e trova Van Hecke che prova l’inzuccata da distanza ravvicinata, senza però trovare la porta.
Tre minuti dopo De Rossi manda in campo Llorente al posto di Zalewsk ma la pressione del Brighton non si placa.
Al 76′ sale in cattedra Igor che tenta la fortuna con un tiro dalla lunga distanza e anche sta volta Svilar compie un vero e proprio miracolo respingendo il pallone. Adingra prova a sfruttare il tap-in ma Ndicka gli dice di no.
Al’80′ Ansu Fati riceve palla da Adingra e tenta la conclusione al volo col sinistro ma la palla termina di poco al lato.
La Roma tiene duro e resiste agli attacchi della squadra di Roberto De Zerbi sentendo ormai la qualificazione ai quarti ormai vicina.
L’arbitro concede sei minuti di recupero e seppure alcuni tifosi di casa abbandonano sconsolati lo stadio la squadra non molla di un millimetro e al 92′  Ansu Fati prova a sorprendere Svilar con un tiro da trenta metri, ma il portiere giallorosso alza il pallone in corner.
La Roma approda così ai quarti di finale di Europa League e si aggiunge a Milan e Atalanta tra le squadre italiane che hanno passato il turno e tra poche ore i capitolini conosceranno l’avversaria ai sorteggi di Nyon.