• Tempo di Lettura:2Minuti

La quinta tappa del Giro del Delfinato non è stata assegnata. Dopo la maxi caduta a 20 chilometri dal traguardo la direzione della corsa francese ha deciso di non prendere ulteriori rischi. Tutto annullato a causa dei troppi ciclisti caduti e per le problematiche che possono aver subito. Sono scivolati troppi atleti e l’asfalto non è stato ideale per una frazione di velocità. Inoltre l’assenza delle ambulanze ha indotto gli organizzatori ad evitare ogni rischio. Nessun vincitore oggi e nessun cambiamento in classifica. Domani si dovrebbe correre senza problemi con la sesta tappa.

Foto screen RaiSport

A caratterizzare la corsa sono stati Mathis Le Berre dell’Arkéa B&B Hotels, Tobias Bayer dell’Alpecin Deceuninck e Adne Holter dell’Uno-X Mobility. A transitare per primo sul il traguardo volante di Saint Colombe-sur-Gand è stato Tobias Bayer, mentre sulla Côte de Croix de Signy, sulla Côte de Duerne, sulla Côte de Givors e sulla Côte de Bel-Air è stato Mathis Le Berre. A 21 chilometri dall’arrivo una maxi caduta causata dalla pioggia ha indotto la direzione gara a fermare la corsa. Tra i corridori caduti ci sono Primoz Roglic della Bora Hasngrohe, Remco Evenepoel della Soudal Quick Step, Juan Ayuso e Tim Wellens dell’UAE Team Emirates, Dylan Van Baarle e Steven Kruijswijk della Visma Lease a Bike. Tra gli italiano ci sono Luca Vergallito dell’Alpecin-Deceuninck, Michele Gazzoli dell’Astana Qazaqstan.