Lazio-Marsiglia 2-1, Parolo e Correa eliminano Garcia!

ROMA – Da stasera non c’è più la sua chiesa al centro del villaggio europeo: Rudi Garcia e il Marsiglia abbandonano l’Europa League, rispediti a casa dal colpo di testa di Parolo e dal sigillo di Correa che mandano la Lazio ai sedicesimi di finale. E’ ancora festa per Simone Inzaghi, 18 anni dopo quel 5-1 dell’Olimpico con il suo storico poker all’Olympique e oggi capace di imporre la sua legge dalla panchina in un insidioso doppio confronto portato a casa con gioco e personalità. 

SUPER STRAKOSHA, PAROLO SORPRENDE PELE’ – Si parte con i francesi – senza Payet – alla disperata ricerca di una vittoria e con Sakai che da due passi si divora il vantaggio, fermato solo da una grandissima uscita di Strakosha. Uno spavento dal quale la Lazio si riprende subito, con Correa – prima volta da titolare in EL – a pungere con la sua velocità e in continua ricerca dell’intesa con Immobile, mentre i minuti passano e si combatte su ogni pallone anche con molta confusione: ammoniti in serie Ocampos, Wallace e Thauvin con il francese che impegna Strakosha dal limite e con Immobile che alza a campanile in area l’ultimo pallone del primo tempo, Parolo ci crede e va a staccare trovando l’angolino, Pelé è sorpreso e neanche arriva a tuffarsi con il pallone che si infila per il vantaggio della Lazio.

THAUVIN RISPONDE A CORREA – Niente cambi, niente squilli del Marsiglia che dopo dieci minuti prende anche il secondo: Immobile mette a referto il secondo assist della serata, chiudendo il largo triangolo che Correa gli chiede e ottiene piazzando il 2-0 alle spalle di un Pelé che di fuoriclasse ha solo il cognome. Il raddoppio regala sicurezza ma mentalmente alleggerisce troppo gli uomini di Inzaghi: Parolo esagera nella sicurezza e sbaglia un passaggio, Sanson ringrazia e mette Thauvin nelle condizioni di riaprire tutto per l’ultima mezz’ora.

SMS E IMMOBILE – Inzaghi, che già aveva richiamato l’ammonito Wallace per Bastos, manda dentro Milinkovic-Savic al 70′ per riprendere in mano la partita, pericolosamente in bilico dopo il tiro di Strootman uscito – deviato – di un niente dopo un’uscita sbagliata di Strakosha. Immobile sfiora due volte il tris, di testa e di potenza da fuori, poi ci prova SMS solo davanti a Pelé che si erge – stavolta – a baluardo insuperabile. Entra anche Luis Alberto, che fallirà l’assist per Immobile nel recupero, dall’altra parte Garcia butta dentro l’artiglieria pesante con Payet e Mitroglu per gli ultimi assalti confusi e disperati che portano all’ultima paura: cross per Njie, Marusic lo anticipa con il destro praticamente tirando verso Strakosha che respinge d’istinto con la gamba alta. La Lazio vola e se ne va, il Marsiglia saluta e Garcia – 4° ko consecutivo – traballa.   

In questo articolo si riporta quanto pubblicato dal sito http://www.corrieredellosport.it/ sull'argomento indicato nel titolo.

Informativa sui contenuti pubblicati: Parte dei contenuti presenti su Per Sempre News provengono da Internet, essendo considerati di pubblico dominio, perciò qualora gli Autori fossero contrari alla loro pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione – redazione@persemprenews.it – che provvederà prontamente alla rimozione.
300 x 250 – Lombardi – Post sponsorizzato