• Tempo di Lettura:2Minuti

Le prove ufficiali del Gran Premio di Azerbaijan hanno visto ancora una volta il duello tra le Ferrari e le Red Bull. A realizzare la pole position è stato Charles Leclerc della Ferrari davanti a Perez e Verstappen. Nella Q1 Max Verstappen, Sergio Perez, Charles Leclerc e Carlos Sainz hanno duellato per ottenere la prima posizione. A spuntarla è stato il campione del mondo in carica che ha fermato il tempo in 1:42.722. A 11 millesimi si è piazzato il compagno di squadra Perez davanti a Leclerc e Sainz. I quattro sono chiusi in meno di 250 millesimi di secondo. Botto per Lance Stroll con l’Aston Martin a 2 minuti dalla fine della Q1. Il pilota canadese è andato a sbattere contro le barriere. Per lui le prove ufficiali sono terminate contro il muro prima alla curva 7 e poi alla curva 2 spezzando l’anteriore. Per questo motivo è stata messa la bandiera rossa per pulire l’asfalto dai detriti lasciati dall’Aston Martin. Eliminati Kevin Magnussen e Mick Schumacher dell’Haas, Alexander Albon e Nicholas Latifi della Williams e Lance Stroll dell’Aston Martin.

Foto Twitter account Formula1

La Q2 ha continuato sulla falsa riga della Q1, ma questa volta Perez ha bloccato il tempo in prima posizione. Il pilota della Red Bull ha realizzato 1:41.995 davanti a Leclerc, Sainz e Verstappen. I quattro sono chiusi i meno di 3 decimi. Da registrare l’incidente senza conseguenze di Sebastian Vettel dell’Aston Martin ma alla fine è riuscito a qualificarsi in top 10. Eliminati le due McLaren di Lando Norris, Daniel Ricciardo, Esteban Ocon dell’Alpine, Zhou Guanyu e Valtteri Bottas dell’Alfa Romeo.

Foto Twitter account Formula1

La Q3 è stata ancora una volta una vera e propria lotta sul filo dei millesimi che hanno visto i due piloti della Ferrari e della Red Bull. A conquistare la pole position è stato Charles Leclerc che con un tempo strepitoso nell’ultimo tentativo ha resisitito agli attacchi di Perez e Verstappen rispettivamente secondo e terzo. Quarto posto per Sainz davanti Russel. Il ferrarista ha chiuso in 1’41″359 con oltre 2 decimi su Perez e 3 decimi su Verstappen.