• Tempo di Lettura:2Minuti

Charles Leclerc ha realizzato la prima pole position valida per il Gp di Miami. Il pilota della Ferrari ha battuto il compagno di squadra Sainz e Max Verstappen. La Q1 delle prime prove ufficiali di Formula 1 a Miami non hanno dato grosse sorprese. Gli esclusi sono stati: Ocon a causa di un incidente durante le prove libere, Magnussen, Zhou, Alborn e Latifi. Interessante sono state le prestazioni con gomma lucida della Mercedes con Hamilton e Alonso con la Alpine. Infatti nell’ultimo tentativo sono riusciti ad entrare nella top 10. Il miglior tempo è stato di Charles Leclerc che ha fermato il tempo in 1’29”474 davanti a Verstappen e Perez. Quarto Carlos Sainz davanti proprio ad Hamilton e Alonso. Interessante 11esimo posto della Haas di Schumacher che ha grazie ad un secondo set di gomme rosse performante sin dall’inizio.

Foto Twitter account F1

La Q2 del Gp di Miami ha visto clamorose eliminazioni: Ricciardo, Vettel, Russel e Alonso tutti racchiusi in meno di due decimi, col solo Schumacher superiore di 250 millesimi. La lotta per la decima posizione è stata entusiasmante e alla fine l’ha spuntata Gasly con l’Alpha Tauri. In prima posizione Charles Leclerc che ha chiuso in 1’29”474 davanti a Verstappen di 72 millesimi e Norris su McLaren con 504 millesimi. Quinto posto per Sainz davanti a Bottas ed Hamilton. Le Ferrari sono state le uniche monoposto ad aver fatto 3 cambi gomme rimanendo però sempre con le rosse. Crollo della Mercedes di Russell che dopo l’ottima prestazione del Q1 è stato eliminato.

Foto Twitter account F1

La Q3 è stata emozionante e adrenalinica. All’ultimo stint Charles Leclerc e Carlos Sainz hanno chiuso in prima e seconda posizione grazie a due super settori e un terzo settore mostruoso per il monegasco. Grave errore per Max Verstappen della Red Bull che ha sbagliato il suo ultimo tentativo perdendo così la pole position e seconda posizione. Quarto posto per Sergio Perez davanti ad Hamilton ottimo quinto che ha superato Bottas nell’ultimo giro utile. Questa è la prima doppietta Ferrari nel Gp di Miami e soprattutto la prima pole position dopo oltre una decade negli USA.