• Tempo di Lettura:2Minuti

UFI Filters, Gruppo internazionale leader nel settore della filtrazione, della gestione termica e delle tecnologie per lo sviluppo della mobilità a idrogeno, conferma l’eccellenza dei propri sistemi di filtrazione fornendoli alle monoposto di nove dei dieci team in gara nella stagione 2024 di Formula 1, che inizia il 2 marzo con il Gran Premio del Bahrain. È un riconoscimento prestigioso per le tecnologie sviluppate dalla High Tech Division di UFI Filters, fondata nel 1999, e per l’azienda, che dal 1978 ha visto una serie continua di successi nella massima categoria del motorsport. In Formula 1, UFI Filters non si limita a mettere a disposizione delle squadre i filtri olio e aria motore e benzina: la complessità delle monoposto attuali comporta l’adozione di fino a quindici elementi filtranti su una vettura, per una produzione annuale complessiva di circa 8.000 filtri.

Soluzioni tailor made

Per la Formula 1, ogni filtro è realizzato su misura per le esigenze dei diversi team, con soluzioni customizzate per dimensioni e materiali impiegati (tra i quali alluminio medicale, fibra di carbonio e titanio); la loro definizione è frutto di un processo di coprogettazione tra i tecnici dell’High Tech Division di UFI Filters e quelli delle squadre. Spesso, nel corso della stagione, vengono richiesti dai team anche aggiornamenti e modifiche dei filtri, sulla base degli sviluppi via via introdotti nelle vetture. I filtri adottati per le monoposto da Gran Premio possono essere suddivisi in base alla loro collocazione.

I filtri per i motori termici si trovano nell’aspirazione dell’aria, nel circuito di alimentazione del carburante e in quello della lubrificazione. Si tratta di filtri ad alta tecnologia, che non devono trattenere solo polvere e trucioli, ma anche eventuali contaminanti che si possono formare nelle benzine speciali utilizzate in Formula 1. Anche il circuito dell’olio motore richiede protezioni adeguate: oltre al filtro principale, sono presenti elementi filtranti secondari, e diversi “last chance filter”, che agiscono sulle pompe di recupero. I filtri dei circuiti idraulici svolgono un ruolo essenziale per la sicurezza dei piloti.

Fondamentale, infatti, è la loro presenza nei sistemi che presiedono l’idroguida, l’attivazione dell’ala mobile posteriore (il DRS) e il circuito frenante. Il sistema ibrido di cui le monoposto sono dotate comporta la presenza di una batteria di accumulo dell’energia, la cui temperatura deve rimanere all’interno di un range ottimale: per il suo raffreddamento si utilizzano fluidi dielettrici, la cui filtrazione è garantita da dispositivi UFI Filters.

Segui Per Sempre News anche sui social!