• Tempo di Lettura:2Minuti

Evelina Christillin, membro aggiunto della UEFA nel Consiglio FIFA, è intervenuta nella trasmissione di Rai Radio 1 Radio Anch’io Sport, iniziando la sua analisi dallo scontro Lega-Figc: “Non è una novità che ci sia una divisione tra Lega e Figc. Ci sono campionati a 18 squadre, ma anche a 20 squadre. Il calendario congestionato è chiaro. C’è una divisione tra le grandi e le piccole e spero che riescano a trovare un accordo. Con la nuova Champions League e la Coppa del Mondo per Club, forse sarebbe meglio un campionato a 18 squadre. Tuttavia, se si guarda alla Spagna e all’Inghilterra, il campionato è a 20 squadre”.

E il futuro della UEFA dopo Ceferin?

“Sarà un futuro che guarderò da spettatore con grande interesse. Il mio mandato scade l’anno prossimo e non mi candiderò per la rielezione. Ceferin ha fatto un annuncio che ci ha colto di sorpresa e vedremo cosa deciderà. Gli dobbiamo molto perché ha affrontato il periodo più difficile per la UEFA, tra pandemia, guerre e Super League”.

Cosa ne pensi delle recenti dimissioni di Boban?

“Boban è un grande campione che ha contribuito molto al calcio come giocatore e dirigente. È un uomo di grande cultura e mi dispiace molto per quello che è successo. Non so cosa vorrà fare Zvone, è un uomo tutto a un pezzo, gli faccio i miei migliori auguri”.

Da tifosa della Juventus, Evelina Christillin crede nello scudetto?

“Crediamo sempre nello scudetto, perché rinunciare a febbraio sarebbe tragico. Ma ho visto l’Inter contro la Roma: complimenti, sono davvero forti”.