• Tempo di Lettura:2Minuti

Stefano Domenicali, Presidente e Amministratore delegato della Formula 1:” Sinner ambasciatore ideale della F1, Monza e Imola devono adeguarsi”. Domenicali fa il punto della situazione, confronta la Formula 1 di oggi, di domani, del prossimo anno, ancora del futuro della Formula 1 stessa in Italia, intervistato da Ronny Mengo per SportMediaset, e del ruolo di ambasciatore che potrebbe essere assegnato al personaggio del momento, il tennista Jannik Sinner.

Stefano Domenicali: “La speranza è che il prossimo Mondiale possa essere più combattuto. Sono ottimista che questo possa avvenire, anche se Verstappen sarà molto forte e la Red Bull sarà ancora la macchina da battere. Questo però fa parte del mondo dello sport ed è il suo stesso senso. Ci sono cicli vincenti e ci sono squadre che soffrono ma non si arrendono e reagiscono. Non dimentichiamo poi che Red Bull pagherà nel 2024 le conseguenze del suo sforamento del Budget Cap. Con Jannik ci conosciamo bene, l’ho sempre ammirato è un ragazzo che parla poco ed è vincente, come deve essere nel mondo dello sport. La nostra idea è quella di coinvolgere trasversalmente mondi diversi e paralleli, facendoli interagire. Per quanto riguarda Monza e Imola, so che c’è la volontà da parte di entrambe di adeguarsi, portando a compimento i lavori che vanno fatti. L’Automobile Club d’Italia sta lavorando molto in questa direzione, ma occorre lavorare in modo sistematico, superando le pastoie della burocrazia. Diversamente la Formula 1 in Italia sarà a rischio”.

Seguiteci su https://www.facebook.com/persemprenews, https://twitter.com/home