Vlap, sei gol e il premio di più bravo in Eredivisie

ROMA – Le telecamere del canale regionale Omrop Fryslân sono entrate qualche tempo fa nel salotto di casa sua: un’intervista a tavola, all’ora di pranzo, tra un piatto di carne con patate e carote, nell’intimità della sua famiglia. Michel Vlap ha ricevuto nel mese di ottobre il premio di giocatore più bravo dell’Eredivisie. Si è raccontato davanti ai genitori, al fratello e al nonno: risate, ricordi, la tovaglia di plastica, le pentole, le salse, i bicchieri di latte, il cagnolino che gironzolava sul tappeto, i disegni che faceva da bambino a scuola, un quadretto nel segno della naturalezza e della semplicità, immagini che sono finite presto anche su Youtube. 

SEI GOL – Vlap è un trequartista, ha ventuno anni, gioca nell’Heerenveen e il ct Ronald Koeman sta valutando la possibilità di convocarlo nella nazionale olandese. Mezzapunta atipica: un metro e 90, grande rapidità di gambe e di pensiero, sei gol (le doppiette al De Graafschap e all’Az Alkmaar) in undici partite di campionato. Un numero dieci con uno stile un po’ ruvido, che ha imparato a recitare anche altri copioni: regista e attaccante esterno. 

IL MERCATO – Ha un’abitudine: quella di raggiungere il campo di allenamento in bici. La normalità è la sua dimensione perfetta. L’Ajax e il Psv Eindhoven lo seguono. Vlap ha la maturità e la saggezza per fermarsi a guardare il presente. L’Heerenveen gli ha fatto firmare un contratto fino al 2022: in estate valuterà le proposte, l’idea di base è quella di non cederlo a gennaio. Vlap ha trovato subito un feeling speciale con il tecnico Jan Olde Riekerink, che è stato ingaggiato a luglio e gli riconosce qualità importanti, alcune delle quali in parte inesplorate. Notevoli i margini di crescita per Vlap, nato a Sneek il 2 giugno del 1997 e inserito da Erwin Van de Looi nell’Olanda Under 21. 

IL PERCORSO – Una carriera che ha preso forma nell’Heerenveen e un papà (Jan) che ha allenato in passato l’Ons Sneek, il Dronten, l’Harkemase Boys e lo Staphorst. Ha esordito in Eredivisie il 27 novembre del 2016 nell’ultimo minuto della partita con l’Ajax (0-1): il tecnico era Jurgen Streppel, che ora guida l’Anorthosis Famagosta, club cipriota. Dieci gol e quattro assist: ecco il suo bilancio tra coppe e campionato. Il numero di maglia è il diciotto. L’Abe Lenstra Stadion è sempre stato la sua seconda casa: da bambino aveva l’abbonamento alle partite dell’Heerenveen. Ha iniziato a giocare nell’Ons Sneek, la squadra allenata dal papà Jan. E ora può sognare la convocazione in nazionale.

In questo articolo si riporta quanto pubblicato dal sito http://www.corrieredellosport.it/ sull'argomento indicato nel titolo.

Informativa sui contenuti pubblicati: Parte dei contenuti presenti su Per Sempre News provengono da Internet, essendo considerati di pubblico dominio, perciò qualora gli Autori fossero contrari alla loro pubblicazione, non avranno che da segnalarlo alla redazione – redazione@persemprenews.it – che provvederà prontamente alla rimozione.
300 x 250 – Lombardi – Post sponsorizzato